OPEN FORUM “10 ANNI DI LEGGE SUL FRANCHISING”: CONVINCE LA PROPOSTA DI LEGGE PER RIFORMARE IL SETTORE. LA SINTESI.

OPEN FORUM “10 ANNI DI LEGGE SUL FRANCHISING”: CONVINCE LA PROPOSTA DI LEGGE PER RIFORMARE IL SETTORE. LA SINTESI.

Un grande successo per l’evento “2004-2014: i 10 anni della legge sul franchising – Situazione attuale, prospettive future e focus sulla tutela dei sistemi e dei format di franchising” svoltosi il 16 aprile a Milano presso l’Auditorium San Carlo. Un evento ideato da IREF Italia ed organizzato dalla stessa IREF Italia e dalla Corte Arbitrale Europea con il determinante contributo operativo dell’Associazione Nazionale Commercialisti, AZ Franchising e Bureau Veritas.

Panoramica di una parte della sala
Panoramica di una parte della sala

L’evento, organizzato in occasione della ricorrenza del decimo anno di vigenza della Legge n.129/2004 (“Norme per la disciplina dell’affiliazione commerciale”), ha costituito un importante incontro di aggiornamento altamente professionale e ha anche rappresentato la prima iniziativa sul decennale della legge sul franchising consentendo di conoscere e dibattere temi assolutamente nuovi nel panorama delle iniziative di aggiornamento del settore.

L’evento, inoltre, ha costituito una eccezionale occasione per la presentazione in anteprima della complessiva proposta di riforma per il settore del franchising e delle reti commerciali promossa da IREF Italia, AZ Franchising e Associazione Nazionale Commercialisti e che è già stata accolta con grande favore dalla Senatrice Elena Fissore la quale ha ritenuto opportuno iniziare a porre le basi per l’avvio di quanto necessario all’instaurazione dell’iter legislativo specifico. L’iniziativa legislativa segue il manifesto delle “10 proposte al Governo per la crescita del settore di AZ Franchising” (reportage completo dell’evento).

Il successo dell’iniziativa, oltre ad essere stato ampiamente espresso dai partecipanti che hanno particolarmente apprezzato modalità, tipologia e contenuto degli interventi altamente professionali su argomenti di grande attualità e utilità, ha trovato e sta trovando ulteriore conferma con l’apprezzamento delle proposte contenute nell’iniziativa legislativa utili, da un lato, a conoscere i punti cruciali di una norma che ormai dimostra la necessità di un adeguamento al mercato, dall’altro, una visione prospettica indirizzata ad un futuro positivo e, soprattutto, professionalizzante per il settore.

Alla soddisfazione naturalmente espressa da IREF Italia e dalla Corte Arbitrale Europea, particolarmente attive per la riuscita dell’evento, si sono aggiunte le soddisfazioni dei promotori dell’iniziativa legislativa che hanno avviato il percorso di ipotesi di riforma, AZ Franchising, Associazione Nazionale Commercialisti e la stessa IREF Italia.

Dott.Rag.M.Comparini (IREF Italia) – Dott.E.Scroccaro (McDonald’s) – Dott.Rag.M.Cuchel (Associazione Nazionale Commercialisti – Dott.ssa E.Delfino (AZ Franchising) – Dott.F.Pasquali (WM Capital)
Dott.Rag.M.Comparini (IREF Italia) – Dott.E.Scroccaro (McDonald’s) – Dott.Rag.M.Cuchel (Associazione Nazionale Commercialisti – Dott.ssa E.Delfino (AZ Franchising) – Dott.F.Pasquali (WM Capital)

Dopo i saluti espressi dall’Avv.Mauro Rubino Sammartano, Presidente della Corte Arbitrale Europea, la prima parte dell’evento, moderata dalla Dott.ssa Elena Delfino, Giornalista di AZ Franchising e dal Dott.Rag.Marco Cuchel, Presidente dell’Associazione Nazionale Commercialisti, è stata aperta da una analisi del decennio di vigenza della legge sul franchising e dello stato attuale del mercato puntualmente svolta dal Dott.Fabio Pasquali, a.d. di WM Capital. Il Dott.Pasquali, inoltre, ha ricostruito il percorso che ha portato alle 10 proposte di AZ Franchising al Governo per la crescita del settore derivanti da una inchiesta giornalistica della testata sugli accreditamenti e sui fondi erogati da Invitalia.

Il Dott.Marco Cuchel, Presidente dell’Associazione Nazionale Commercialisti, ha proseguito rendicontando sullo stato dei lavori dell’iniziativa e sulla collaborazione in atto con la Senatrice Elena Fissore.

Successivamente, il Dott.Rag.Mirco Comparini, Presidente IREF Italia, ha dettagliatamente descritto le proposte illustrandone anche le motivazioni attraverso una trattazione tecnica per ogni intervento contenuto nel documento elaborato allo scopo. Nello specifico, pur considerando che il testo non sarà consegnato fino a quando non sarà elaborato dagli uffici legislativi delle Commissioni competenti del Senato, i principali punti fondamentali che interessano il complesso delle proposte e che riprendono anche contenuti dell’originario Regolamento CEE del 1988 e che si ispirano a normative vigenti in altri paesi, sono così sintetizzabili:

  • introduzione (per il franchising) dell’obbligo di comunicazione del know how in forma scritta, con istruzioni operative, e in forma orale;
  • obbligo (per il franchising) della presenza di una assistenza tecnica e commerciale per tutta la durata contrattuale;
  • ridefinizione della caratteristica di “sostanzialità” del know how (per il franchising);
  • censimento e classificazione di tutti i titolari di reti e di tutti gli aderenti a reti presso il Repertorio Economico Amministrativo;
  • obbligo di comunicare l’inizio ed il termine di sperimentazione (già obbligatorio dalla legge vigente) dei sistemi di franchising presso il Repertorio Economico Amministrativo (per il franchising);
  • eliminazione dell’incerto parametro “ammortamento degli investimenti” per la durata contrattuale, con ampliamento della durata minima;
  • obbligo di descrivere contrattualmente tutte le caratteristiche ed i termini del piano di formazione iniziale previsto dal titolare di rete;
  • introduzione dell’obbligo di fornire in forma scritta le informazioni precontrattuali con specifico documento e con ampliamento delle informazioni da fornire;
  • ridefinizione del concetto “investimenti” e “stima degli investimenti”;
  • obbligo di fornire informazioni precontrattuali sul percorso del soggetto titolare di rete e sul periodo di sperimentazione, nonché, sulle risorse umane dedicate alla gestione della rete, inclusa l’estensione di informazioni su eventuali procedimenti giudiziari nei confronti dell’Organo Amministrativo e obbligo di consegna al candidato aderente dei bilanci del titolare di rete;
  • informazione “dinamica” della composizione della rete con indicazioni degli entrati e degli usciti dalla rete, con descrizione delle motivazioni  della cessazione;
  • obbligo del candidato aderente alla riservatezza delle informazioni ricevute;
  • introduzione della regolamentazione dell’eventuale contratto preliminare;
  • introduzione di una norma speculare per tutte le altre forme di commercio associato a rete;
  • estensione della possibilità di erogare fondi per autoimprenditorialità anche ad altre forme di commercio associato a rete;
  • obbligo di formazione preliminare per i beneficiari di tali fondi e del titolare di rete che intende ricevere il necessario accreditamento;
  • introduzione di un organismo di controllo indipendente presso l’ente erogatore e presso il titolare di rete;
  • pubblicazione dei bilanci dei titolari di rete presso sistemi informativi l’ente erogatore.
Avv.G.Affer – Avv.M.Siviero – Avv.M.Rubino Sammartano – Avv.E.Bella
Avv.G.Affer – Avv.M.Siviero – Avv.M.Rubino Sammartano – Avv.E.Bella

Ha concluso la prima parte dell’evento, con una illustrazione di carattere operativo ed applicativo della norma, il Dott.Enrico Scroccaro, Franchising Senior Manager McDonald’s, e che, con tale illustrazione, ha contribuito a far comprendere come le grandi reti internazionali già adottano metodologie contenute nelle proposte di modifica contenute nell’iniziativa legislativa avviata proprio perché già presenti in altri contesti.

I principali punti delle singole proposte di modifica della normativa sul franchising sono stati poi analizzati nel corso degli interventi pomeridiani egregiamente e professionalmente trattati dall’Avv.Enrico Bella, dall’Avv.Marco Siviero, dall’Avv.Luca Trevisan, dal Dott.Carlo Bonucci e dall’Avv.Giulia Affer con la moderazione dell’Avv.Mauro Rubino Sammartano, Presidente della Corte Arbitrale Europea, e dal Dott.Rag.Mirco Comparini, Presidente di IREF Italia.

Dott.C.Bonucci – Avv.L.Trevisan
Dott.C.Bonucci – Avv.L.Trevisan

IREF Italia ha pubblicamente invitato all’adesione e al sostegno dell’iniziativa tutte le organizzazioni, strutture, imprese e operatori che veramente ed effettivamente intendono fornire un loro contributo per il raggiungimento degli scopi posti a base dell’iniziativa stessa, con una attiva e fattiva collaborazione all’interno di IREF Italia o con altre forme di partnership. Immediata è stata la risposta della Corte Arbitrale Europea che ha ufficialmente aderito e che, pertanto, sull’iniziativa, collaborerà con i promotori della stessa.

Mirco Comparini - Presidente Nazionale IREF Italia
Mirco Comparini – Presidente Nazionale IREF Italia

Il contenuto delle proposte – ha dichiarato Mirco Comparini, Presidente Nazionale di IREF Italiadeve essere inteso come attività indirizzata a maggior tutela, sia delle imprese titolari di reti che operano nel pieno rispetto della normativa sostenendo alti investimenti prima di offrire l’adesione alla propria rete e che adottano anche prassi operative di maggiore trasparenza, sia dei potenziali aderenti a reti che potranno ottenere maggiori informazioni utili alla valutazione per una loro adesione. L’attività intrapresa con l’iniziativa tende a rimuovere i punti critici della normativa vigente, ma non è un atteggiamento negativo verso il settore, tutt’altro. Proprio rimuovendo i punti critici si può migliorare il contesto. Questo è lo spirito e questo è l’obiettivo di questa iniziativa: migliorare il settore, renderlo maggiormente trasparente, professionale ed efficiente e rimuovere la concorrenza sleale di chi intende operare in questo settore con scorciatoie certamente dannose alla collettività”.

Fabio Pasquali, Presidente e Amministratore Delegato di WM Capital-AZ Franchising
Fabio Pasquali – Presidente e Amministratore Delegato di WM Capital-AZ Franchising

La revisione della legge che disciplina l’affiliazione commerciale è coerente con l’evoluzione del mercato verso una crescente attenzione dell’imprenditoria nei confronti del Franchising” – ha commentato Fabio Pasquali, Presidente e Amministratore Delegato di WM Capital-AZ Franchising – “Sempre più aziende adottano la formula dell’affiliazione perché costituisce il passaggio fondamentale e una leva indispensabile per la crescita, lo sviluppo e il successo del business. Si tratta di una formula già vincente che continuerà ad affermarsi sempre di più anche nel futuro, le cui potenzialità saranno amplificate dalla proposta di una review regolamentare, che si pone in direzione di una maggiore trasparenza, controllo e formazione, ndispensabili per la professionalizzazione ed efficienza del mercato”.

Marco Cuchel - Presidente Associazione Nazionale Commercialisti
Marco Cuchel – Presidente Associazione Nazionale Commercialisti

L’importanza del franchising nell’economia è sempre maggiore e questo aspetto è oggettivamente e quotidianamente riscontrabile – ha dichiarato Marco Cuchel, Presidente dell’Associazione Nazionale CommercialistiDi conseguenza, si fa sempre maggiore anche l’importanza per la categoria dei Commercialisti che nell’economia e nell’assistenza alle imprese operano per specializzazione professionale. Le caratteristiche dell’iniziativa legislativa rispondono ad un miglioramento della normativa attuale proprio al fine di migliorare ed agevolare anche l’assistenza e la consulenza alle imprese clienti dei Commercialisti con regole più chiare e trasparenti. L’attività del Commercialista si pone nella fase precontrattuale dei rapporti tra le parti esattamente come la caratteristica della stessa normativa sul franchising. Si tratta, quindi, di un momento estremamente importante per una qualsiasi impresa e per le decisioni da prendere attraverso le opportune e necessarie valutazioni per svolgere una attività in franchising, sia come titolari di rete, sia come aderenti a rete. Nondimeno si tratta di un momento determinante anche per il professionista che assiste l’impresa proprio in tale importante e delicata fase. Il tutto, considerando la necessità di dover rispettare le norme poste a regolamentazione del settore che se chiare e trasparenti costituiscono beneficio per l’intera collettività. Proprio per questi motivi, l’Associazione Nazionale Commercialisti ha avviato la progettazione per l’istituzione di uno specifico “Programma Nazionale di Formazione sul Franchising e sulle Reti Commerciali” rivolto alla categoria dei Commercialisti e che certamente contribuirà a supportare con maggiore specializzazione professionale tutte le imprese interessate”.

Presto on line altri dettagli.

Al termine dell’evento a tutti i relatori è stato consegnato un attestato di riconoscimento per il loro prezioso contributo per la buona riuscita del momento formativo e per il loro prezioso apporto scientifico e tecnico con il quale è stato possibile arricchire di professionalità l’evento .

M.Comparini - M.Cuchel - M.Rubino Sammartano
M.Comparini – M.Cuchel – M.Rubino Sammartano
M.Comparini - E.Scroccaro - M.Rubino Sammartano
M.Comparini – E.Scroccaro – M.Rubino Sammartano
M.Comparini - F.Pasquali - M.Rubino Sammartano
M.Comparini – F.Pasquali – M.Rubino Sammartano
M.Comparini - M.Siviero - M.Rubino Sammartano
M.Comparini – M.Siviero – M.Rubino Sammar
M.Comparini - L.Trevisan - M.Rubino Sammartano
M.Comparini – L.Trevisan – M.Rubino Sammarta
M.Comparini - C.Bonucci - M.Rubino Sammartano
M.Comparini – C.Bonucci – M.Rubino Sammartano

 

M.Comparini - G.Affer - M.Rubino Sammartano
M.Comparini – G.Affer – M.Rubi
M.Comparini - E.Bella - M.Rubino Sammartano
M.Comparini – E.Bella – M.Rubino Sammartano
M.Comparini - M.Rubino Sammartano
M.Comparini – M.Rubino Sammartan
div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(http://www.iref-italia.it/wp-content/uploads/revslider/home/glass-building-e1493365487226.jpg);background-color: transparent;background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: scroll;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 280px;}